Jump to content

giorgio97

Utenti registrati
  • Content Count

    14
  • Joined

About giorgio97

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Si purtroppo quando prude nemmeno me ne accorgo. Quindi dottore posso usare comunque un qualsiasi shampoo o quello che mi ha indicato lei senza problemi? Non c'è nient'altro che posso fare per migliorare questa condizione? Grazie
  2. Buon pomeriggio dottore, le scrivo per quanto riguarda un mio problema con il cuio capelluto: ho un capello molto grasso che si sporca facilmente. Inoltre ho molta forfora. Da qualche mese ho smesso l'utilizzo dei lavaggi con shampoo commerciali (anche se di buona qualità) per capire come si comportassero i capelli. Infatti informandomi, gli shampoo tendono a dilavare il sebo che naturalmente viene prodotto, e ne aumentano la produzione dello stesso. Da quando ho sospeso, trovo difficoltà nell'avere capelli completamente puliti, rimangono untuosi ma non sporchi, abbastanza pesanti. Durante i lavaggi, che ho anche diradato a max 2 a settimana, vedo che nelle mani ho molti capelli venuti, non a ciocche sia chiaro ma un buon numero. Sono capelli molto fini e non lunghi, sui 5 cm max. Dopo qualche giorno da un lavaggio inoltre, se mi gratto in testa (non violentemente ma leggermente) mi trovo vicino l'unghia come un accumulo di grasso, sebo o forfora non so, di colore bianco e molto morbido. Ha anche non odore non proprio gradevole. Osservando il cuio, questo apppare molto bianco, non credo sia normale. Questo deposito mi crea prurito sul cuio e ovviamente grattandomi vado a sporcare i capelli con questa "polverina". E credo che grattandomi vado a stressare anche il cuoio facendo lesionandolo e facendo cadere i capelli Cosa può essere dottore e come posso rimediare?
  3. Quanto applicarne? E consiglia un lavaggio quotidiano o più o meno frequente? Leggevo inoltre che un antisudorale può comportare dei problemi, ho letto il topic di un ragazzo che ha avuto infiammazioni e dolori nella zona dove applicava, potrebbero esserci quindi delle controindicazioni? Immagino che devo sospendere l'utilizzo del deodorante giusto? Grazie per la sua disponibilità
  4. Buonasera dottore, credo di soffrire di ipersudorazione sotto le ascelle. Anche se mi lavo molto bene con sapone neutro o con un qualunque bagnoschiuma, in quella zona permane un odore sgradevole e molto forte che non va via. Premetto che ho anche depilato l'area in questione ma non è migliorata la situazione. Inoltre il sudore tinge molto i vestiti lasciando aloni antiestetici. Uso un comune deodorante dopo il lavaggio per coprire l'odore ma nel giro di qualche ora devo procedere a lavarmi e cambiarmi nuovamente. Ho provato anche a cambiare deodorante, pensavo che fosse quello e invece non ho avuto benefici. Devo dire che comunque va a periodi questa situazione. Come posso ridurre secondo lei il problema in maniera meno aggressiva possibile? Grazie
  5. Salve dottore, sto ancora procedendo con peg unguento la sera tutti i giorni e non bagno mai da ormai metà agosto. Fin quando devo proseguire con il trattamento? E quando posso iniziare a bagnare? Grazie
  6. Buongiorno, torno ad aggiornarvi prof. Monti. La cute va via via stabilizzandosi, ho notato che sbagliavo in due cose nei mesi scorsi: frizionavo con forza la cute con l'essudato quando mi pulivo con permanganato e mettevo troppo peg unguento e tutto questo ha fatto sì che non avessi miglioramenti anzi che la situazione quasi peggiorasse. La pelle in alcuni punti del dorso delle dita della mano destra appare ancora molto delicata e infiammata (soprattutto su medio e anulare). Qui ci sono ancora delle piccole croste e bolle sottocute soprattutto sui lati delle dita però la situazione sta migliorando, non avverto più grosso prurito. Non mi spiego però queste bolle laterali seppur ricordo di non aver messo cortisone in quelle zone. ì Pollice direi guarito, pelle liscia anche se secca senza croste o bolle seppur con quei piccoli puntini che può vedere in foto. Non fa minimamente prurito e sto continuando sempre con peg unguento. Indice ancora infiammato leggermente ma senza bolle, direi in via di guarigione. Non so se può vedere la mancanza di pigmentazione sulla parte delle dita dove metto peg unguento, spero sia normale. Sto continuando comunque a non bagnare e a mettere la sera peg unguento, pochissimo. Grazie per i suoi consigli
  7. Non sto bagnando per niente le mani. Di PEG ce n'è ancora, ne metto giusto una punta però mettendolo tutti i giorni su 4 dita, mi chiedo come possa durare uno o due anni. Comunque continuo il trattamento, come vede la mia situazione? Grazie
  8. Buongiorno, ad oltre un mese dal continuo trattamento con PEG Unguento e Permanganato, la situazione risulta questa. Sembra che addirittura stia peggiorando, in quanto si sta espandendo lungo i lati delle dita, soprattutto medio e anulare dove ricordo di non aver applicato cortisone e questo sembra strano. Purtroppo sto notando anche un accenno di DA sulla mano sinistra, in particolare sul mignolo (ricordo che ho i dorsi di tutte le dita della mano destra compromesse tranne il mignolo). La cute non si stabilizza ancora, prude poco ma fa male se la tocco. E PEG Unguento sta quasi per finire..
  9. Ok grazie, continuerò. L'applicazione di peg unguento la sera come deve avvenire? Nel senso ne metto una punta, massaggio, si scioglie leggermente formando una sorta di olio, ma devo lasciare un pò di accumulo o solo un film? Per quanto tempo devo tenerlo una volta applicato? Attualmente la metto la sera e lo lascio tutta la notte sulle zone interessate, non vorrei fosse sbagliato
  10. Buongiorno, torno ad aggiornarvi oggi 30 agosto, la situazione sembrava migliorata con quasi totale assenza di bolle ma oggi al risveglio mi sono ritrovato di nuovo pieno, sono sottocutanee senza puntino bianco. Sto continuando con l'applicazione di peg unguento la sera e non bagno se non con permanganato di potassio per la pulizia. Inoltre la zona della comparsa delle bolle continua ad aumentare lungo la parte superiore sopratutto su anulare e medio. La pelle risulta intatta senza lacerazioni. Rimane però il forte prurito. Non c'è però secchezza della pelle visibile come nella precedente foto.
  11. Va bene grazie. La disidrosi continua, seppur migliorata continuano ad uscire bolle soprattutto al risveglio mi trovo diverse bolle sotto cute con un puntino bianco. Sicuramente è essudato, normale giusto?
  12. E per la doccia come posso fare? Difficile farla in un minuto...
  13. Buongiorno, vi posto un aggiornamento prof. Monti. Dopo aver seguito il suo consiglio di applicare PEG unguento la sera e non bagnare la mano, effettivamente la disidrosi è migliorata. Sono sei giorni che applico PEG unguento, giusto una punta. Seppur migliorata, continuano a uscirmi bolle sempre su quella parte delle dita. Fanno molto prurito ma non mi gratto. Non sto bagnando con acqua per la pulizia ma sto usando la soluzione di permanganato di potassio. Purtroppo usando anche guanti in nitrile per lavarmi, succede che la mano all'interno suda e quindi quelle zone si bagnano inevitabilmente. Procedo ancora in questo modo o devo variare qualcosa? Grazie per il suo tempo
  14. Buongiorno, circa un mese fa ho iniziato ad avere delle piccole bollicine sulla parte superiore di indice e anulare della mano destra. Non ci ho dato molto peso finchè la situazione è peggiorata. Ora ho questa situazione qui con 4 dita su 5 compromesse (non mi spiego come il mignolo sia sano). Il palmo e il dorso della mano destra sono puliti e sani, idem la mano sinistra dove non ho bolle o altro, solo una leggera secchezza della pelle, con delle piccole squame tra un dito e l'altro. Queste "squame" ci sono anche sul dorso della mano destra. Non so che tipo di malattia sia. Posso solo dirvi che potrebbe aver inciso l'utilizzo di guanti da lavoro non proprio puliti (che però ho usato per entrambe le mani) che in seguito anche al fatto di aver sudato durante il lavoro potrebbe aver inciso o l'utilizzo di un detergente a base alcolica per la pulizia della mani prechirurgica che ho utilizzato in maniera assidua durante gli scorsi mesi per disinfettare le mani dal rischio covid (il prodotto è skinman soft protect della ecolab) Sotto consiglio del medico di base, ho utilizzato Gentamicina e betametasone teva circa una volta al giorno per un paio di settimane. La situazione migliorava per poi peggiorare quando smettevo di utilizzare il prodotto perchè mi sembrava che era tutto passato. Ho smesso l'utilizzo da una settimana. Dopo un altro consulto, pensando fosse una malattia fungina, mi è stato detto di applicare canesten unidie ma la situazione è peggiorata e ho smesso di utilizzarlo ieri. L'ho utilizzato per soli 3 giorni. Inoltre ho utilizzato anche una crema idratante con amido di riso e acido jaluronico della EuPhidra per evitare che la pelle si secchi e si spacchi in seguito alla chiusura delle dita della mano. Dalla scorsa settimana sto cercando di evitare di far venire in contatto la mano destra con detergenti aggressivi, quindi shampoo, detersivi per piatti, bagnodoccia e altro. Sto utilizzando dei guanti in lattice. Ovviamente durante l'utilizzo, la mano all'interno suda inevitabilmente anche per il caldo di questi giorni. Chiedo il vostro aiuto, grazie per il vostro tempo !
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.