Jump to content

Lupetto

Utenti registrati
  • Content Count

    55
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Lupetto last won the day on September 20 2018

Lupetto had the most liked content!

About Lupetto

Recent Profile Visitors

1881 profile views
  1. Gentile dottor Monti, avendo ormai 54 anni ho seguito la sua indicazione e, dopo anni di Micropeeling combinato (di cui sono ancora entusiasta), ho sostituito Glicocrema viso al Micropeeling combinato. Ho iniziato il trattamento da 5 giorni: alla sera dopo il lavaggio con base lavante metto Glicocrema viso e la massaggio bene. Ho cercato di usare minime quantità (2 palline al max). Tuttavia da ieri mi sono comparsi dei "foruncoletti" ai lati del mento: la pelle è irritata e un poco pruriginosa. Cosa devo fare ? Sospendere e tornare al Micropeeling combinato? O alternare le sere di applicazione? Non ho mai avuto una pelle secca, ma piuttosto mista, tendente all'essere grassa su fronte naso e mento. Grazie infinite
  2. Grazie. Le chiedo ancora due cose in merito: 1. L'uso quotidiano serale di Glicocrema è in sostituzione di Glicosal oppure di tutto il Micropeeling combinato (cioè Glicosal+Airol lozione)? 2. Posso comunque cominciare a usare Glicocrema+, invece di Glicorema viso? al limite, se troppo forte Glicocrema+, passo a Glicocrema visto. Va bene? Grazie ancora
  3. Grazie. Le chiedo ancora due cose in merito: 1. L'uso quotidiano serale di Glicocrema è in sostituzione di Glicosal oppure di tutto il Micropeeling combinato (cioè Glicosal+Airol lozione)? 2. Posso comunque cominciare a usare Glicocrema+, invece di Glicorema viso? al limite, se troppo forte Glicocrema+, passo a Glicocrema visto. Va bene? Grazie ancora
  4. Buongiorno, dottor Monti. ho letto la risposta sul Micropeeling combinato che Lei ha Dao a Sandra72, ieri, giovedì 5 agosto. Ora riesco a scrivere finalmente dal mio account e la domanda è questa. Sono sua paziente da anni, prossima ai 54 anni, dal 2015 eseguo regolarmente micropeeling combinato, ho fatto del 2016/17 due sedute di PDT, ho soprattutto la fronte solcata da rughe anche per esposizione eccessiva al sole e alle lampade solari. Ho visto che Lei consiglia a chi ha più di 50 anni e pelle invecchiata dal sole di eseguire il trattamento quotidiano con Glicocrema Viso o Glicocrema+. Tuttavia a marzo 2021, in visita privata, Lei mi consigliò di procedere col micropeeling combinato (Glicosal + Airol lozione) con cui mi trovo bene. La mia pelle regolarmente si rigenera settimanalmente e sicuramente ha perso molto dello spessore iniziale di qualche anno fa. Quindi, conoscendomi Lei già, ritiene che io debba cambiare protocollo e usare Glicocrema viso? Preferirei procedere con Glicosal + Airol, però se lei ritiene che sia ormai inutile per me e occorra cambiare, me lo dica. Io ho già provato Glicocrema+ sulle gambe e ho dovuto sospendere e mettere Glicocrema viso perché la prima era troppo forte. Tuttavia Glicocrema viso è profumata e difficilmente la sopporterei sul viso. Grazie infinite.
  5. E' possibile eventualmente alternare l'uso dell'una e dell'altra Glicocrema? Per esempio, va bene usare Glicocrema viso alle gambe per 5 giorni su 7, mentre negli altri 2 giorni invece usare Glicocrema +? Protri usarlo al posto di Tretinoina Same ... Le chiedo questo perché non vorrei che Glicocrema Viso fosse un po' inefficace ,in quanto troppo delicata, nei punti in cui la pelle delle gambe è parecchio ispessita (ginocchia, piedi, tallone, caviglia). Che ne pensa? E unguento emolliente estremo non va più usato alle gambe?
  6. E' possibile eventualmente alternare l'uso dell'una e dell'altra Glicocrema? Per esempio, va bene usare Glicocrema viso alle gambe per 5 giorni su 7, mentre negli altri 2 giorni invece usare Glicocrema +? Protri usarlo al posto di Tretinoina Same ... Le chiedo questo perché non vorrei che Glicocrema Viso fosse un po' inefficace ,in quanto troppo delicata, nei punti in cui la pelle delle gambe è parecchio ispessita (ginocchia, piedi, tallone, caviglia). Che ne pensa? E unguento emolliente estremo non va più usato alle gambe?
  7. Da tempo applico regolarmente alle gambe Glicocrema (6 giorni a settimana)+ Unguento emolliente estremo (1 giorno a settimana). Prima applicavo anche Airol crema, poi sostituito con Tretinoina SAME. Al momento ho sospeso quest'ultima, ma, se utile, la rintrodurrei. Poco fa però ho cercato di acquistare (dal sito Most) Glicocrema, ma mi sono accorta che quella ad uso corpo non c'è più. E' stata sostituita con quella specifica per calli, talloni o gomiti, oppure quella esclusiva per viso e decoltè. Ecco le mie domande: 1. Va bene reintrodurre Tretinoina Same (1 volta a settimana) nel micopeeling alle gambe? 2. Quale Glicocrema utilizzare peri Micropeeling a tutta la gamba? Quella per calli, talloni, parti ispessite, gomiti o quella per il viso? Non si può riavere la vecchia versione di Glicocrema? 3. premesso che ho 53 anni e da anni utilizzo ogni giorno al viso Glicosal+Airol lozione (6 vv+1v a settimana), che cosa è più utile per me: procedere con Glicosal e Airol, oppure sostituirlo con Glicocrema Viso? In questo ultimo caso, si deve mantenere Airol? Io con Glicosal mi trovo bene, ma pure è vero che ho pelle invecchiata anche dal sole... Grazie per il prezioso aiuto
  8. Gentile dottor Monti, a distanza di mesi posso dire che la gamba sinistra, che era molto sofferente per via della contusione e gonfiore da caduta, è rientrata. Alla gamba in questione continuo ancora oggi a portare la calza a compressione graduata che mi era stata consigliata successivamente da un fisiatra. Lungo il polpaccio esterno permangono degli indurimenti, di colore leggermente scuro (tipo livido), che tendono a sporgere un po', nei punti in cui la gamba ha battuto più violentemente. Il bendaggio compressivo multistrato Profore, che Lei mi aveva consigliato e applicato, è stato davvero utilissimo. Infatti adesso mi rendo conto che non solo il bendaggio ha spento l'edema da caduta, ma sembra anche aver apportato un miglioramento al mio problema di insufficienza venosa cronica. Le vene che prima erano più in evidenza adesso si notano meno sia lungo il polpaccio, sia sul piede. In modo particolare la caviglia si è assottigliata, tornando alle mie dimensioni normali di anni fa, prima che fosse soggetta ad edemi. La dimensione della gamba sinistra nel suo complesso, dal ginocchio in giù, risulta ora un po' più asciutta di quella destra (anche quando non porto la calza elastica). E' vero che porto quasi sempre la calza elastica (solo) a sinistra, è vero che non fa ancora caldo, ma sicuramente la gamba sinistra, che era sempre più ingrossata della destra, ora si è prosciugata e ha perso un po' del colorito violaceo delle vene. La gamba più sofferente per insufficienza venosa cronica ora risulta invece la destra. Anche se non l'ho battuta nella caduta tuttavia in queste ultime settimane, come già periodicamente accadeva, tende a gonfiarsi soprattutto sul piede appena sotto alla caviglia e attorno al malleolo. Si gonfia ed ha un colore sia rosso vivo, sia in altri punti rosso scuro, quasi livido. Sul piede si vedono molto le vene e i capillari. Le chiedo pertanto: non può essere utile applicare anche a destra, per 15 giorni, lo stesso bendaggio compressivo multistrato Profore? A mio parere è stato molto più utile di anni di calza elastica terapeutica di I classe a compressione graduata. Cosa ne pensa? Non potrebbe solo giovarmi? Ancora grazie infinite.
  9. Gentile dottor Monti, Le scrivo ancora a seguito della contusione e gonfiore da caduta alla gamba sinistra. Dalla caduta è passato ormai più di un mese e mezzo (sono ricaduta il 22 settembre 2020). Ieri dopo 15 gg finalmente ho tolto il bendaggio compressivo multistrato Profore. La pelle era raggrinzita, il colore rosso scuro/livido; al posto del gonfiore, dalla parte inferiore del polpaccio (da sopra la caviglia fino al piede) la gamba era asciutta e assottigliata. Il linfedema non c’era più. Non avevo dolori né fitte, che durante il periodo di bendaggio erano andati via via spegnendosi, salvo un fastidio/dolore al tatto, attenuato dalla benda, nella zona della caviglia interna e poco sopra il malleolo interno. Dopo che ho tolto la benda, la pelle, lavata, ha cominciato a desquamarsi e ho applicato più volte unguento emolliente estremo. Poi, però, nel caso della giornata , dal pomeriggio, i dolori sono in parte tornati, e a sera anche qualche fitta, e il gonfiore e rossore è riapparso, seppure più circoscritto, attorno e sopra la caviglia. Anche il rossore si è riacceso e stamattina è visibile sin dal risveglio e riposo notturno. Il collo del piede è di nuovo ingrossato e fatico ad infilare la scarpa sinistra. Se schiaccio la parte gonfia, resta l’impronta ancora per qualche istante, a documentare di nuovo la presenza di liquido nei tessuti. Cosa devo fare? A chi rivolgermi? Devo rimettere ancora il bendaggio? E’ solo questione di tempo o c’è qualche cosa che è per sempre alterato? Grazie infinite PS siccome non riesco ad allegare la foto, le scrivo anche via Facebook aggiungendo l'immagine foto, da indirizzo non mio, perché non sono registrata su Facebook, precisando che il messaggio è sempre inviato da Lupetto
  10. Grazie ancora per l'indicazione. Voglio comunque far presente che la pelle della gamba nei giorni passati, durante la terapia antibiotica e con eparina, anche per il gonfiore impressionante, si era disidratata terribilmente, rischiando propio di spaccarsi e procurando un grosso fastidio. Ho applicato Unguento emolliente estremo e la cosa è rientrata nel giro di poche ore... Davvero è eccezionale!!!! Grazie!
  11. La ringrazio. Ho seguito il suo consiglio e mi sono sottoposta sia ad ecoclordoppler alla gamba che a radiografia. Non é risultato nulla di rotto e anche la circolazione del sangue risulta regolare. Tuttavia , terminata da Tre giorni la terapia con punture di eparina e antibiotico che ho seguito per 10 gg secondo le indicazioni del mio medico di base, persiste un intenso rossore diffuso alla gamba sx, un gonfiore anomalo nella parte da sotto il ginocchio fino al piede ( non riesco quasi ad infilare le scarpe più grandi del mio numero) , e continua il dolore a volte con fitte brevi ma intense. Le chiedo ancora un consiglio, confidando nella sua esperienza. Secondo lei è regolare il decorso? Mi si sgonfieranno mai la gamba e la caviglia (i miglioramenti giorno per giorno sono pressoché minimi, se ci sono) ? Non preoccupano i lividi ( le dita del piede sx sono nere/viola) ma il rossore e l’edema. Lei ritiene sia necessario consultare un ortopedico o occorre aspettare che le cose si aggiustino da sé? Il mio medico di base non dice nulla al proposito. Io continuo ad andare a lavorare ( insegno), ma mi muovo a fatica. Grazie infinite.
  12. Gentile dottor Monti, sono una donna di quasi 53 anni e da anni sono sua paziente. Conoscendo la sua competenza, mi rivolgo a Lei per un giudizio. Quasi una settimana fa sono scivolata e caduta accidentalmente sulle scale, battendo in più punti il lato sinistro del corpo. La parte più penalizzata è stata la gamba sinistra, sotto al ginocchio, che era talvolta già gonfia alla caviglia perché affetta da insufficienza venosa cronica (curata nel corso di questi anni con calze a compressione e cicli di sclerosanti). Da subito dolorante, la gamba sx si è gonfiata notevolmente al polpaccio e poi alla caviglia e piede, diventando livida sul piede. Il mio medico della mutua mi ha prescritto 10 punture di anticoagulante e 10 gg di antibiotico. per domani ha richiesto un ecodoppler. Ora sono al 6° giorno ma i dolori permangono, anzi sembrano aumentare, (da seduta a volte le fitte sono molto acute) , solo da sdraiata ho sollievo, e il piede è sempre più nero e molto gonfio. Le allego la foto. Secondo Lei c’è qualcosa di anomalo oppure è il normale decorso di una caduta su una parte già problematica? Cosa mi consiglia? Grazie infinite.
  13. Gentile Esperto, sono una donna di 52 anni. Sto facendo il micropeeling combinato alle gambe e piedi (6 vv a settimana Glicocrema+1 volta a sett crema Same). Da quasi due giorni sul piede sinistro è comparsa una formazione cutanea anomala. Inizialmente circoscritta, ora la zona di color rosso si è estesa maggiormente e il prurito persistente è andato crescendo, talvolta dando luogo a fitte molto pungenti (quasi spilli che pungono). Si risveglia il dolore /prurito quando indosso le scarpe. Stanotte stentavo a prendere sonno dal fastidio/dolore che ho cercato di lenire con Gel astringente (che però sembra, almeno inizialmente, far aumentare il dolore). Nei giorni passati ho avuto emicranie forti. Da una parte mi viene il dubbio che si tratti di un’intolleranza alla Crema Same, ma dall’altra il mio timore è che possa trattarsi di herpes zoster. Anni fa ne ho sofferto (nel 2011) perché mi ha colpito potentemente al trigemino (nervo oculare/cigliare), ho rischiato la vista all’occhio sinistro ; quella zona oggi è ancora dolente al tatto. Stanotte, quando le fitte al piede si sono fatte intense, sentivo riacutizzarsi il fastidio al nervo cigliare. Segnalo anche che alcuni giorni fa sono stata colpita di notte da punture derivanti da acaro del f tarlo del legno. Da ieri abbiamo eliminato il mobile che presumibilmente conteneva il tarlo. Come posso capire di che si tratta? Le allego la foto. Grazie infinite. N.B. NON E' POSSIBILE ALLEGARE AL FORUM NESSUN TIPO DI IMMAGINE, SEBBEN INSERITA CON DIMENSIONI DEL FILE INFERIORI A QUELLE POSSIBILI (< 200 KB). FATEMI PER FAVORE SAPERE COME E' POSSIBILE INOLTRARVI IMMAGINE. GRAZIE
  14. Buongiorno. Ho provato a caricare nuovamente la foto perché vorrei che la vedesse e. Il mio timore infatti è che si tratti dell'acaro del tarlo del legno. Come posso capirlo? Come posso prevenire? In realtà tutte le volte che provo a caricare un'immagine mi compare la seguente scritta: "Si è verificato un problema durante l'elaborazione del file caricato.Puoi caricare solo un totale di 0MB. Ti preghiamo di contattarci per assistenza." La cosa mi impedisce di allegarvi l'immagine . Come posso farvi visionare l'immagine? la mia immagine non è pesante perché è solo di 99kb , ma non la prende e mi esce quella scritta. Come mai?
  15. Gentile Esperto,ormai da una settimana sulla parte posteriore della coscia destra è comparsa una strana manifestazione cutanea.Me ne sono accorta 8 giorni fa durante la notte: mi sono svegliata e ho avvertito prurito.Al mattino il rossore e gonfiore era visibilmente aumentato (simile a quello di una punture di insetto cui si è allergici) e il tutto provocava un prurito molto fastidioso e persistente.Il dolore/ fastidio nei primi quattro giorni è stato costante e insopportabile.Inizialmente pensavo si trattasse di punture ravvicinate di insetto e ho applicato ripetutamente Gel astringente, che mi ha solo momentaneamente placato il fastidio.L’ho applicato almeno 3/4 volte al giorno.Ora il forte fastidio/prutrito è in parte scemato, il gonfiore e rossore diminuito ma le bolle stentano ad andare via e calano con estrema lentezza.Oggi è l’ottavo giorno.Saprebbe dirmi di cosa si tratta e come curare la manifestazione?In allegato metto la foto dell’eruzione cutanea al 4/5 giorno dalla comparsa.Distinti saluti e grazie.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.