Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'acne'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Comunicazioni dallo staff
    • Come usare il forum
  • Chirurgia
    • Chirurgia dermatologica
  • Clinica
    • Acne giovanile / tardiva
    • Dermatite atopica
    • Dermatite seborroica
    • Psoriasi
    • Orticaria / dermografismo
    • Melasma
    • Cheratosi attiniche
    • Nei, Melanoma, Tumori cutanei
    • Problemi infettivi
    • Dermatologia pediatrica
    • Problemi delle unghie
    • Problemi dei capelli e cuoio capelluto
    • Problemi in generale
  • Cosmetica ed Estetica
    • Problemi di trucco
    • Trattamenti rigenerativi
    • Macchie cutanee
    • Trattamenti termici
    • Problemi cosmetici ed estetici in generale

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


domanda antispam

Found 18 results

  1. Buongiorno a tutti Avrei voluto essere più sintetica, ho fatto del mio meglio, ma questo è tutto ciò che mi riesce adesso. Prego chiunque leggerà di essere paziente, e di considerare che ho tanto bisogno di aiuto. Mi chiamo Margherita, ho 29 anni e soffro di acne dall'età di 16 anni. Il protrarsi a lungo di questa malattia, seppur con alcuni momenti di tregua, mi ha seriamente danneggiato a livello psicologico, limitandomi, di conseguenza, nel vivere pienamente la mia vita ogniqualvolta questa si è ripresentata. Nel corso degli anni ho provato ogni tipo di cura: pillola anticoncezionale (Diane per 8 anni e Gracial per 2, per un totale di 10 anni), 2 cicli di isotretinoina per via sistemica (4 mesi ciascuno, nel dosaggio di 20mg/die) ed un terzo (l'ultimo) tempestivamente sospeso a Dicembre 2015, dopo un mese soltanto, per insorgenza di depressione grave. A seguito dei cicli con isotretinoina ho ottenuto velocemente completa remissione dell'acne, sperimentando così finalmente una nuova stagione della mia vita. Sfortunatamente però dopo un anno dal termine di ciascun ciclo l'acne si è ripresentata, qui si spiega il motivo dei quasi 3 cicli di isotretinoina e perchè io ancora oggi stia cercando una soluzione. La mia è sempre stata classificata come acne lieve-moderata, papulo pustolosa, e specifico inoltre che la malattia non è sempre stata costantemente presente in questi 13 anni abbondanti, sebbene mi abbia accompagnato per buona parte di questi, e ha conosciuto un primo vero e tangibile sollievo a seguito della terapia sistemica con isotretinoina. Tre anni fa ho inoltre sospeso la pillola anticoncezionale perchè ritenevo non fosse buona cosa per il mio organismo, e penso sia stata una buona scelta visto tra l'altro che ancora ad oggi i dosaggi ormonali risultano nella norma e i cicli mestruali regolari. Da allora sono riuscita a controllare l'acne con Epiduo gel, utilizzando come pochi altri cosmetici un latte detergente a risciacquo mattina e sera e un idratante in gel leggerissimo al mattino, entrambi comprati in farmacia e privi di tutte le sostanze che ho scoperto essere per me assolutamente nocive (profumi, alcool, olii minerali, parabeni, ecc). A partire da primavera 2018 la pelle ha iniziato a peggiorare poiché, già fragilizzata dai retinoidi sistemici e topici nel corso degli anni e dal contatto prolungato con il cloro della piscina in cui vado a nuotare (mia grande passione dell'ultimo anno), ho iniziato ad applicare creme idratanti. Da lì ha preso inizio un circolo vizioso che non si è più fermato: presa dall'ansia ho provato di tutto e di più e la mia pelle non ha potuto fare altro che peggiorare. Ho ripreso ad applicare con costanza Epiduo solo a inizio gennaio, sempre accompagnato dal latte detergente a risciacquo e dal gel all'acido ialuronico sopra citati, e sono arrivata alla visita dermatologica con un medico del vostro staff la settimana scorsa che trovavo lo stato della mia pelle sensibilmente migliorato, cosa che mi aveva reso nell'ultimo periodo più serena e incline a riprendere di nuovo la mia vita sociale e la frequentazione della piscina, cose che avevo praticamente eliminato negli ultimi mesi di grande peggioramento. A seguito della visita ero felicissima, poiché anche a me era stato consigliato il protocollo di cura per l'acne con MIcropeeling Combinato, di cui ero venuta a conoscenza negli ultimi 2 mesi di ricerche disperate, ciò che ha fatto sì che io da Bologna mi recassi a Milano per incontrare un medico dello staff. Nutro ora grandissime speranze, ma sono come bloccata da grandi paure, che mi derivano da anni di sofferenza e frustrazione dovuti alla malattia, motivate dalle tante cure tentate rivelatesi fallimentari. Ho acquistato i prodotti per il Micropeeling Combinato e in entrambe le lozioni è presente alcool, che so essere estremamente irritante per me, noto per causare l'effetto rebound... Inoltre non potendo applicare più alcun prodotto idratante, la cosa mi spaventa ancora di più. Ho applicato martedì sera airol lozione (in quantità esagerata mi rendo conto, non sapevo ci volesse il contagocce) e ho avvertito un bruciore terribile, il giorno seguente Glicosal ed è andata ancora peggio, da mercoledì non applico più nulla ma sono ancora molto desquamata e secca, non posso applicare alcun prodotto di alcun tipo e non mi sento di uscire di casa. Io non so più che fare, mi rendo conto che ormai sono in uno stato mentale davvero difficile, sono duramente provata da questi ultimi mesi di recrudescenza della malattia e sono bloccata. Funzionerà davvero la cura col MIcropeeling Combinato o porterà solo ad un altro interminabile peggioramento, aggravato da eccessiva secchezza che non mi consentirà nemmeno di truccarmi col trucco minerale e che quindi mi costringerà a stare in casa il più possibile? Queste la mie paure. Mi spaventa inoltre la presenza di alcool nelle lozioni... Che faccio? Abbraccio la cura con micropeeling o proseguo con epiduo? Mi scuso per essere stata eccessivamente prolissa, ma questo esprime lo stato di ansia e stress in cui ormai vivo a causa di questa malattia per me assai invalidante. Allego foto situazione odierna
  2. Salve, Mi sono appena iscritta a questo forum per trovare risposta alle mie insicurezze. Cercherò di raccontarvi brevemente la mia storia: sono una ragazza di 21 anni e soffro di acne da circa 4 anni. Ho sempre avuto qualche brufolo in giovane età, soprattutto con le prime mestruazioni. Un'estate, però, ebbi uno sfogo terribile (probabilmente genetico) che fu diagnosticato come acne nodulo-cistica e "curato" con isotretinoina per circa 6 mesi. Finita la cura a maggio (da notare che la richiesi io stessa al dermatologo, informandomi su internet, perché le cure da lui proposte non funzionavano e nemmeno sembravano adatte al mio particolare caso), alcune macchie erano rimaste, che nascosi con l'abbronzatura dell'estate, e il "più" era sparito. Nel corso degli anni, però, ho continuato e continuo tutt'ora a soffrire di questo disagio che sono i brufoli (dai più piccoli e insignificanti a vere e proprie cisti, che permangono per settimane o mesi). La situazione chiaramente non è come quella di quell'anno, ma mi deprime molto ugualmente. Ho sempre cercato di utilizzare prodotti con buon inci che potessero aiutare il mio tipo di pelle, spendendo ovviamente tantissimi soldi, informandomi principalmente su internet e leggendo le esperienze e le opinioni di altre persone (pur sapendo che la reazione ai prodotti e molto altro è strettamente soggettiva). Un giorno, girovagando sull'internet, ho casualmente trovato il sito di Most, gli articoli proposti dai dottori e ricercatori con relativi trattamenti, consigli e quant'altro. Ho deciso di provare (tanto ormai che avevo da perdere?) e ho cominciato il trattamento proposto da Most il 4 aprile di quest'anno. Da quel giorno, lavo il viso mattina e sera con la Base Lavante Eudermica; passo con un dischetto tutte le sere circa 10 gocce di Glicosal. In casi estremi causa secchezza uso l'Unguento Estremo. Quando mi trucco utilizzo un fondotinta in polvere minerale, oppure semplicemente l'Argillina Sole per proteggermi dal sole (anche se sinceramente, e non so se sia un effetto psicologico o altro, mi sembra la situazione peggiori quando applico trucco o protezione solare). Sono passati ormai due mesi, e ho visto miglioramenti soprattutto nella "grana della pelle", cioè vedo il viso di un colore più omogeneo (eccetto nelle zone più critiche), più liscio, levigato. Nonostante questo, intorno alla bocca (soprattutto nel mento) soffro di brufoli fastidiosi che impiegano mesi prima di decidere a sparire o semplicemente ridursi. Sto cercando di portare pazienza, di non strizzare e toccare troppo il viso, di attenermi alle istruzioni date. E' difficile, però, perché tutto ciò che vedo quando mi guardo allo specchio è il mio viso segnato dai brufoli, dalle macchie. Ora, premesso tutto ciò e venendo alle domande, volevo chiedervi: - se non si notano miglioramenti, anche dopo 2/3 mesi, è possibile che il trattamento non funzioni? C'è questa possibilità, o basta portare pazienza perché in alcuni individui i prodotti potrebbero impiegare più tempo per fare effetto? - è possibile continuare il trattamento anche nei mesi estivi, usando semplicemente Argillina Sole come protezione viso? Il sole può giovare in qualche modo? - c'è un motivo per cui i brufoli continuano a spuntare in maniera fastidiosa, soprattutto quelli sotto pelle, gonfi e infiammati? Voglio dire, questo trattamento aiuta anche a prevenire o cura la pelle dalla superficie alle profondità, quindi "attaccando" solo quello che effettivamente si manifesta? - l'alimentazione influenza in maniera significativa la nostra pelle? Leggevo sul vostro sito un articolo che sosteneva che ciò che mangiamo non ha niente a che vedere con la nostra pelle; mentre in un altro, leggevo che ci sono cibi da evitare perché causa di brufoli. Potreste darmi una spiegazione più chiara? Io seguo una dieta piuttosto equilibrata, cerco di limitare i cibi confezionati, i dolci, le cose che so che fanno male, ma ogni tanto mi concedo qualche cibo "sfizioso". Potrebbe essere collegato ai miei problemi di pelle? Non so se queste domande vi sembrino chiare, e nemmeno se siano tutte, ma sono dubbi che ho preferito rivolgerle direttamente a voi attraverso il forum. Spero riusciate a rispondermi. Mi scuso anticipatamente per qualsiasi errore o informazione poco chiara. Saluti, Elisa
  3. Salve... Vorrei chiedere un vostro supporto e consigli se possibile.... 2 anni fa circa soffrivo di una bella acne accentuata, non molto grave ma moderata. Ad oggi, dopo 1 anno e 2 mesi di cure l'acne si è ormai attenuata, ogni tanto compare solo qualche brufolo ma niente di grave. Il dermatologo mi ha dato questa cura: detergente rev acnosal, crema giorno preparata in farmacia con 3 ingredienti: nicotinamide, fitalite e clindamicina, di sera Epiduo. Ho seguito questa cura e ogni 2 mesi andavo dal dermatologo a fare il peeling, precisamente, il Retinol peeling, ad oggi sono arrivato a 7 peeling fatti. Il primo peeling è stato al salicilico, il resto 6 peeling al retinolo. Mi ricordo che, il primo peeling che mi ha fatto,prima di eseguire il peeling, mi aveva punto con un ago meccanico e poi spremuto un po la pelle...Non so se era necessario questa cosa... Ho avuto difficoltà ad avere fiducia di questo dermatologo perchè le mie paure erano tante...Ad oggi non mi lamento molto perchè le cure credo abbiano funzionato. L'ultima volta che sono stato dal dermatologo mi ha cambiato la cura, da quasi 2 mesi uso, come sempre il detergente rev acnosal, di mattina cremagel rev acnosal, di sera niente, uso solo epiduo in caso uscisse qualche brufolo. Inoltre mi ha aggiunto una maschera da fare solo 2 volte a settimana, maschera liposkin. A breve dovrei tornare dal dermatologo per vedere se devo fare un'altro peeling al retinolo... e se devo continuare ad usare i prodotti. Ad oggi riguardo solo all'acne non mi lamento molto anche se vedo che ho ancora un po di comedoni e ogni tanto un brufolo appare nonostante le cure da più di un anno, però non si può più dire che io abbia l'acne,almeno credo. Il problema e che nel decorso della cura mi sono toccato il viso parecchie volte per colpa del mio impulso di schiacciare i brufoli...Di cicatrici ne ho un paio..sopratutto sulla guancia destra. Io adesso non so se continuare ad essere fiducioso con questo dermatologo perchè ormai sono stanco...sono arrivato a 7 peeling e a breve credo che mi dirà di farne un'altro...E sono molto frustrato per le cicatrici, la colpa è sopratutto mia per le cicatrici, lo so, però ultimamente ho anche la sensazione che forse i prodotti abbiano peggiorato le cicatrici o forse è solo una mia sensazione.. Sono molto frustrato e confuso,vorrei lasciare tutto, non saprei se continuare ad andare dal dermatologo o magari lasciare tutto e seguire la cura con solo il micropeeling per alcuni mesi e poi iniziare a trattare le cicatrici. Cosa mi consigliate di fare ??
  4. Il mio nome è rosa e sono una ragazza di 26 anni affetta da acne. Partiamo dal presupposto che la mia è una storia un po' lunghetta quindi cercherò di riassumerla il più possibile. Tutto è cominciato intorno ai 16 anni. Mai avuto un brufolo prima d'ora. Poi un giorno guardandomi allo specchio un puntino rosso attira la mia attenzione. Decido di lasciarlo stare, ma poi col passare del tempo la mia faccia è praticamente coperta da questi puntini. Ne provo di tutti i colori. Inizialmente rimedi naturali, limone, sale, zenzero senza avere nessun tipo di risultati. Allora decido che magari la causa principale fosse la mia dieta. Comincia a questo punto a seguire una dieta specifica. Ma i risultati sempre gli stessi. Provo con il sapone allo zolfo con la maschera all'argilla ma ancora niente. Nel frattempo la situazione peggiora. Eri quasi caduta in depressione. Mi vergognavo anche per uscire a fare la spesa, la mia Autostima era a 0. Decido di rivolgermi da un dermatologo. Comincio a seguire una cura a base di acidi e pillole. I risultati si vedono! Ma dopo solo 2 mesi mi ritrovo punto a capo. Decidi di arrendermi. Basta! Ero stanca. E così interrompo tutto. Poi un giorno girovagando in rete mi imbatto in una pubblicita alquanto strana. Un tizio di nome Mike sta sponsorizzando il suo libro per combattere l'acne. Decido di fare un ultimo tentativo. Vado per acquistare il libro e noto subito che il libro costa 97€ una truffa penso. E lascio stare. Dopo 2 settimane mi imbatto nuovamente in questa pubblicità, ma questa volta il libro costa 40€. Lo compro. Dopo aver acquistato il libro mi rendo conto che nel prezzo erano compresi 3 mesi di consulenza. Cominciò il mio percorso seguendo lo scritto lettera per lettera. Poi le consulenze (in inglese) mi hanno dato una mano. Eri scettica riguardo a questo percorso ma è stato la mia salvezza. Lui è molto educato e professionale, addirittura mi offri una persona che tradusse i nostri discorsi. Ma comunque bastò solo il libro senza le consulenza per vedere i primi miglioramenti. Ora dopo 3 mesi la mia faccia completamente guarita, apparte quelle fastidiosissime macchioline rosse. Sto pensando di comprare il suo secondo libro per il "post acne". Non so se è possibile fare nomi, ecco perché non li ho fatti. Ma se avete domande e siete curiose, io sono qui e posso passarvi qualche link in caso ne abbiate bisogno.
  5. Salve ho da un anni dei problemi con i punti bianchi post acne. Macchie bianche in rilievo nella schiena. Il dermatolgo mi ha detto che non alcuna terapia...al limite bagni di sole. Non so cosa pensare..
  6. Buonasera gentile Staff Medico, le foto sono di mia figlia sedicenne. Da circa un anno presenta una situazione altalenante. I brufoli sembrano andare via e la pelle riprendersi per qualche ora/giorno ma poi si ripropongono e soprattutto la zona intorno alla bocca è sempre molto arrossata, circostanza che accentua ed evidenzia l'acne, in particolare dopo la doccia o la pulizia del viso... Abbiamo seguito i consigli del farmacista e del medico di base ma con risultati modesti. I prodotti che le sono stati dati sono i seguenti: Eau Thermale Uriage, Clindamicina same e Differin crema. Per la pulizia usa un detergente all'aloe vera. Negli anni passati, quando aveva solo qualche sparuto brufolo, in autonomia e di nascosto ha messo di tutto: pasta di fissan, dentifricio, creme fatte da lei o viste fare da youtuber, maschere acquistate in profumeria... (adesso sta usando una crema esfoliante al carbone... ) Per uscire si mette il fondotinta. Temo che la sua pelle sia molto stressata... non la lascia mai senza un prodotto... E' costantemente sotto la doccia... Si lava spessissimo anche i capelli, che una volta erano forti e belli, mentre adesso sembrano sempre sporchi e sono molto più fragili. E' preoccupata e avvilita da questa situazione. Come ci suggerite di intervenire? Abbiamo prenotato una visita al dermatologico di Torino ma i tempi d'attesa sono lunghissimi... Ringraziando in anticipo per l'attenzione, saluto cordialmente.
  7. Salve, innanzitutto grazie tante per la disponibilità, Le chiedo il parere su questa specie di brufolo che ho sulla fronte da qualche mese. Appena è uscito credevo fosse un brufolo, però col tempo continua a persistere creando una leggera crosticina sulla punta. Naturalmente non ho resistito dal non toglierla, scoprendo però che non è il solito brufolo con all'interno un piccolo foro, ma è come se fosse un grumo di carne sulla pelle. Una volta rimossa la pellicina indurita, prontamente continua a ricrearsi e arrossendo leggermente tutta la parte coinvolta. Sono nelle vostre mani! :-) Grazie mille, cordiali saluti.
  8. Buongiorno, a 31 anni mi hanno diagnosticato una forma di rosacea, in cura con diverse sedute di laser (biofotonica). Al momento questa è la situazione, diversi rossori con leggere desquamazioni localizzati su entrambe le guance e soprattutto su mento, con presenza di acne (punti bianchi) simili a microcisti sebacee. Mi limito solo nel regolare la barba, senza radermi e ad usare come detergente viso il latte detergente antirossore Avene, mattina e sera. Cerco di mangiare equilibrato, di non eccedere con il sole, di non fare lavaggi frequenti, ma la situazione è sempre la stessa, non riesco a bloccare queste manifestazioni cutanee.
  9. Buonasera, ho acquistato la lozione glicosal della most perché ho riscontrato molti pareri positivi in giro. Ho iniziato ad utilizzarlo ieri sera. Vorrei sapere quando potrò iniziare a notare qualche miglioramento. Io ho un’acne caratterizzata esclusivamente da punti bianchi sotto pelle. Vi allego le foto. Vi ringrazio. Cordiali saluti.
  10. Buongiorno, sono una ragazza, anni 23, normopeso, nessuna comorbidità. Durante l'adolescenza (menarca: 11 anni) ho avuto la pelle un po' grassa (con comedoni), ma non ho mai sofferto d'acne né di condizioni mediche particolari. Lo scorso anno è stato per me molto stancante, e ho iniziato a sviluppare dei brufoli in zona mentoniera, che apparivano singolarmente e si riassorbivano, lasciando dei brutti segni rossi. La situazione però é degenerata lo scorso settembre: in un periodo in realta` non stressante (anzi, mi ero molto riposata rispetto all'anno precedente), ho sviluppato una fastidiosa acne mentoniera (con cisti purulente e dolorose/dolorabili al tatto). Ho fatto una visita dermatologica e mi è stato prescritto un trattamento topico con tretinoina in aggiunta ad un trattamento con minociclina 50mg/die per os. Il trattamento con minociclina ha nettamente migliorato la situazione: mi è capitato di aver interrotto il farmaco per 4 giorni (per mia negligenza) e quel poco periodo è bastato per farmi sviluppare molti nuovi brufoli (che ora non si limitano al mento, ma colpiscono anche le guance e, per ora soltanto uno, la fronte). Ho anche notato un aumento della sudorazione ascellare e la comparsa di un odore del sudore molto forte, che non ho mai avuto se non all'inizio dell'adolescenza, ed un aumento dei "baffetti" (dovrei preoccuparmi per una possibile causa ormonale? o rivolgermi ad un ginecologo?). Vi scrivo poichè il trattamento con tretinoina invece mi sta causando molta secchezza cutanea (con lieve desquamazione e sensazione di pelle che tira, ma soprattutto senzazione di avere un phon seccante puntato in faccia in qualsiasi momento io entri in un locale riscaldato); pensavo di associare una crema idratante, ma ho letto sul vostro sito che sconsigliate ai pazienti con acne di usare creme. Mi chiedevo se potessi usare delle creme che consigliate per la seborrea (crema lenitiva a base di Ossido di Zinco e Magnesio Silicato), o se potessi usare in alternativa di una crema dei sieri con acido ialuronico e senza alcol. Inoltre, volevo chiedervi se una volta terminato il trattamento prescritto dal dermatologo potessi iniziare ad usare il protocollo da voi proposto per il trattamento dell'acne (se ad esempio fosse possibile lasciar intercorrere una sola settimana di pausa tra la sospensione della tretinoina e l'uso di detergenti a base di acido glicolico) e se, quando starò seguendo il vostro trattamento 1) sarà possibile espormi al sole (cosa al momento impeditami dall'uso di tretinoina) 2) che cosa potrò usare in caso mi si verifichino gli stessi sintomi di fastidio da pelle secca. Come ultima domanda volevo chiedervi se si puo` guarire dall'acne, o se con questa condizione di pelle esteticamente brutta, ma soprattutto dolorante e intoccabile (niente trucchi, niente creme) dovrò conviverci per una decina di anni. Vi ringrazio molto, Cordialmente
  11. Buongiorno, mi è stata diagnostica qualche mese fa acne cistica tardiva, ai tempi avevo pochi grossi brufoli sottopelle mi era stata data una cura che però non ha dato miglioramenti, anzi la situazione è peggiorata perchè i brufoli, ora sia grandi che più piccoli sono aumentati (sempre sottopelle,quindi anche dolorosi) lasciando anche macchie molto scure; volevo specificare che i brufoli sono presenti per lo più solo su mandibola e collo (parte sinistra) e mento (tendezialmente sempre sul lato sinistro), il resto del viso è "pulito". Dopo aver trovato il vostro sito,ho ordinato oggi la Base Lavante Eudermica e la Lozione Glicosa, volevo chiedere se devo applicare la lozione glicosa su tutto il viso, o solo sulle parti dove l'acne è presente (visto che in verità su guance,naso, fronte non ho nulla). Grazie anticipatamente, Katrina
  12. Buonasera, da quasi un anno sto curando la mia acne tardiva (leggera) con glicosal, ma da qualche mese sulla fronte mi appaiono delle simil-cisti che se non buco con un ago e schiaccio per far uscire il pus, non spariscono. Nonostante però vadano via per un breve periodo, si riformano continuamente, perché e come è se ci fosse una “sacca”/“rivestimento” che continente il pus. come posso risolvere questo problema? grazie in anticipo
  13. Buongiorno, ho 36 anni ed in adolescenza non ho mai sofferto di acne, al massimo di tanto in tanto si manifestava qualche singolo brufolo che in genere regrediva nel giro di qualche giorno. Da circa un anno ho notato una certa incidenza di brufoli sul volto, in misura maggiore rispetto al solito ( 3-4 brufoli contemporaneamente e che non regredivano velocemente) fino a quando nel mese di Giugno di quest'anno ho avuto una vera e propria manifestazione acneica in particolare sulla guancia sinistra e,in minor misura, sulla guiancia destra e sul mento. Invece fronte, naso, zigomi ed altre parti del corpo sono indenni. I brufoli sono piccoli ed infiammati ( io ho una carnagione molto chiara per cui il loro colore rosso è particolarmente evidente), appena emergono sono anche dolenti. Solo alcuni si trasformano in pustole con il tipico apice pieno di pus che poi si apre liberando appunto il pus, altri restano rossi e regrediscono lentamente esitando in una specie di macula rossa ( molto antiestetica). Non mi sembra di vedere molti punti neri, ma sul mento e in minor misura sulle guance ho notato anche piccoli brufoletti rilevati "sotto pelle" che potrebbero essere forse comedoni. Non ho teleangectasie e pur avendo una certa facilità ad arrossire con il caldo e con il freddo, la pelle tra i brufoli mi sembra sana. Sono sempre stata abbastanza felice della mia bella pelle che tral'altro mi permette di dimostrare abbastanza meno anni, per questo negli ultimi mesi sono molto demoralizzata. Dal 7 settembre ho eliminato tutti i prodotti idratanti ed i trucchi comedogenici ed ho inziato il micro-peeling serale. Utilizzo la lozione Glicosal a sere alterne con Airol soluzione. Preciso che il retinoide non mi dà grossi problemi di irritazione, non avverto grossi bruciori ( utilizzo 10-12 gocce), al contrario Glicosal mi dà un certo bruciore, che però regredisce dopo alcuni minuti (utilizzo 10 gocce). Nel complesso non ho grossi problemi di intolleranza alle 2 soluzioni. Nel primo mese ho avuto il peggioramento temporaneo previsto, con la comparsa di molti brufoli sopratutto sul mento. ora sono verso la fine del secondo mese, però mi sembra di avere un nuovo peggioramento sulla guancia destra dove stanno ricomparendo nuovi brufoli che sembravano andati via, e solo un miglioramento lieve a sinistra ( i brufoli si stanno appiattendo, ma ancora ci sono) al mattino mi desquamo un pò, ma credo sia l'effetto terapeutico dei prodotti serali. Ribadisco che ho eliminato tutti i prodotti idratanti. volevo chiedere: -mi devo preoccupare per questa improvvisa manifestazione acneica e sottopormi a qualche esame? - in quanto tempo posso aspettarmi la remissione totale? (cioè la scomparsa dei brufoli) -questo nuovo peggioramento sulla guancia di destra è normale? -per le macule rosse post brufolo cosa si può fare?(sulla mia pelle sono abbastanza evidenrti ed antiestetiche) ho il dubbio che qualcosa non stia funzionando. Ringrazio in anticipo per la vostra cortese risposta. Un saluto.
  14. Buongiorno, sono una ragazza di 18 anni e da quando sono iniziate le mestruazioni a 13 anni, i miei capelli non sono più gli stessi. Prima erano lucidi, folti e spessi. A 16 anni ho deciso di farmi seguire da un dermatologo che mi ha prescritto una preparazione galenica, delle gocce da applicare sul cuoio capelluto a base minoxidil base 2%, idrocortisone butirrato 0.08%, ciclosilicone pentamero 16%, estradiolo 0.05% e alcool. Ho provato la VS cura dell'acne è ho trovato un ottimo miglioramento. Ho abbandonato la cura del dermatologo e da un mese ho cercato di curare solo con i prodotti Most il mio cuoio capelluto partendo da un'autodiagnosi: dermatite seborroica. Ho applicato per un mese tutte le sere la crema 2S a base di zolfo e ho lavato tutti i giorni i capelli con lo shampoo dermictiol. Questa settimana ho iniziato ad applicare crema 2S una volta a settimana. Asciugo i capelli con il phon il meno possibile, nonostante ciò continuo ad avere prurito e presenza di forfora. Ho uno stile di vita sano e faccio sport tre volte a settimana. Può dipendere dallo stress scolastico? Tendo a toccare i capelli di continuo o comunque spesso. Vi allego delle foto dei capelli lavati questa mattina dopo l'applicazione serale della crema 2S. Spero di avere una diagnosi ed un consiglio su cosa fare. Grazie
  15. Buongiorno, Da circa 6 giorni è apparsa una lesione a circa 4-5 cm al di sotto dell'occhio, che si è andata via via ingrandendo. Ad oggi la zona è arrossata e centralmente si è formata una eruzione di colore bianco-giallastro, e al tatto è doloroso. Si tratta di foruncolo? Anche se si trova in una zona dove non cresce la barba? Sto applicando da 3 giorni la crema Most 2S una volta al giorno, è la soluzione corretta? Grazie.
  16. Gentili dottori, vi chiedo aiuto perché sto crollando psicologicamente come mai prima. Diciassette anni fa diagnosi di rosacea dopo una vita di acne. Avevo 48 anni. Il dermatologo mi da' flagyl una compressa/die con fermenti lattici. Vado avanti anche con sporadici cicli quindicinali di Bassado 100+100/die Quattro anni fa il reumatologo mi fa diagnosi di artrite psoriasica senza manifestazione alla pelle. Per due anni prendo 6 cp di Salazopirina più 3, 4 grammi di potenti fans/die. All' inizio della terza estate di cura per artrite psoriasica, dopo che per due anni la rosacea mi aveva dato tregua e ne avevo sospeso i farmaci, arrivano forti bruciori e prurito a viso e collo. Si reinfiammano anche gli occhi che erano stati raggiunti dalla rosacea sette anni fa : ho venuzze sulle palpebre, ebbi gli occhi molto rossi, con calazi e orzaioli, fui curata dagli oculisti con colliri antibiotici e cortisonici, creme palpeprali antibiotiche, ma nessuno scrisse che era rosacea oculare, né nessuno lo scrive oggi anche se dopo il primo attacco sparirono 5 decimi di visus e ora me ne manca un altro; per gli occhi tiro avanti con gocce di antinfiammatorio che alterno a lacrime artificiali, poiché sette anni fa se ne è andata una buona quota di film lacrimale. Ritorno a quanto mi accadde alla terza estate di cura per artrite psoriasica: ai fortissimi bruciori e pruriti al viso e collo si aggiungono brufoli violacei. Il dermatologo mi dà solo Efracea. Dopo qualche giorno la pelle del viso comincia a desquamarsi in un modo terribile, mai visto. I dermatologi tentennano. Alla fine decido da sola di togliermi i potenti farmaci per l'artrite e pure Efracea. Otto mesi rinchiusa in casa per le condizioni del viso! Pian piano miglioro: il viso smette di spellarsi, diminuiscono le pustole, e decido ancora da me di levare il glutine ( già da anni e anni avevo eliminato cioccolato, creme, salumi, latte e derivati, uova ). Devo dire che vado ancor meglio senza glutine, ma rifiuto gli accertamenti internistici per celiachia. So di avere helicobacter che non è passato con cura eradicante completa fatta ancora quattro anni fa. Il medico mi dà un inibitore di pompoa protonica perché si fa sentire lo stomaco. A me sembrava che anche questo mi aiutasse con la rosacea e sono stata piuttosto bene per l' ultimo anno, il 2016. A dicembre 2016 ricompaiono brufoli importanti sulle guance e torno dal dermatologo, anche perché l' allergologo mi aveva trovata positiva assai al nichel solfato e al thimerosal e levai dall' alimentazione pure le verdure (mangio patate e riso bolliti, carne bianca e anche rossa cotta in un po' di acqua e olio evo, insalatina novella, gallette di riso raffinato e basta). Il dermatologo fu fermo nella reintroduzione dei farinacei così aggiungo mezzo panino al giorno. Mi diede Minocin 100 mg/die e la crema Efacti più la crema Sensibio ar. Cominciai le creme a distanza di quasi venti dal minocin con prudenza. Dopo cinque giorni la guancia destra, più tormentata dalle teleangiectasie, si presenta infiammata, con pustole brucianti. Sospendo le creme al volo e chiedo un incontro a breve col dermatologo. Mi sento di aggiungere che alcuni dermatologi mi hanno consigliato il laser per le teleangectasie, altri lo hanno vivamente sconsigliato per epidermide troppo sottile. Ora sono stanca, esasperata, e, poiché la vita mi ha provata in modo duro, ho a tratti la voglia di lasciarmi andare. Vi seguivo da quella maledetta estate del 2014 in cui la pelle mi ha presentato un conto troppo salato. Cerco di lottare ancora con me stessa e con questa malattia al viso che mi tormenta sempre più. Abito molto lontana da Mimano, altrimenti sarei venuta di persona alla clinica. Chiedo un vostro gentile parere sulla mia condizione dermatologica, perché sugli altri versanti nessuno riesce a smuovermi: ho dolori, ma me li tengo, prendo qualcosa per dormire, mi rifiuto di fare il prelievo per individuare bene la tipologia di helicobacter e quindi prendere la cura antibiotica più idonea, che secondo il medico potrebbe giovare alla mia rosacea. Ma io non credo che sarei in grado di sopportare la pesante cura di eradicazione, se già vivo di freddo intenso subito dopo l' ingestione di un minocin 100 mg. Ho stima di Voi e vi chiedo di aiutarmi, se lo potete. Mi scuso per la lunga descrizione, ma non sono riuscita a restringere. Vi porgo sentiti auguri di buon anno e buon lavoro e attendo con ansia un vostro riscontro.
  17. Buongiorno, ho iniziato la cura con Glicosal e base lavante, seguendo accuratamente le descrizioni fornite dal vostro sito, il 4 novembre, in modo autonomo, nel senso che questi prodotti non mi sono stati prescritti da un dermatologo, considerato che le cure che mi hanno prescritto in passato mi hanno attenuato molte volte il problema ma mai del tutto eliminato, quindi volevo sapere vedendo le foto che ora vi posto del mio viso se devo abbinare l airol e se ho bisogno di usare il dermaroller, che ho acquistato ma non ancora provato. Nel caso potessi utilizzarlo, quante volte a settimana? devo poi successivamente utilizzare il glicosal o lasciare la pelle senza alcuna lozione? Grazie mille. Ps: ho 23 anni
  18. Gent.mo prof.Monti, il mio dermatologo insieme al micropeeling mi ha suggerito per 90 giorni di eliminare ogni tipo di proteina di origine animale. Non ammettendo eccezione in particolar modo per latte e derivati, carni e uova e tollerando in via occasionale il pesce azzurro. Via libera invece, ma solo integrali, legumi, frutta e verdura, anche il pane solo integrale. Faccio presente che ho 42 anni, nessuna malattia, nessun problema di sovrappeso, faccio regolarmente attività fisica e le mie analisi del sangue sono perfettamente nella norma. Secondo Lei questa indicazione ha un senso? da più parti si sente ormai dire che non c'è alcuna relazione tra acne e alimentazione. Force esiste per l'acne tardiva? Ci terrei davvero a conoscere la Sua opinione circa questa dieta e questa indicazione terapeutica(quasi vegana se non fosse per il pesce ogni 15 gg) Grazie mille Andrea
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.