Jump to content

Messaggi raccomandati

Buongiorno a tutti

Avrei voluto essere più sintetica, ho fatto del mio meglio, ma questo è tutto ciò che mi riesce adesso. Prego chiunque leggerà di essere paziente, e di considerare che ho tanto bisogno di aiuto.

Mi chiamo Margherita, ho 29 anni e soffro di acne dall'età di 16 anni. Il protrarsi a lungo di questa malattia, seppur con alcuni momenti di tregua, mi ha seriamente danneggiato a livello psicologico, limitandomi, di conseguenza, nel vivere pienamente la mia vita ogniqualvolta questa si è ripresentata. Nel corso degli anni ho provato ogni tipo di cura: pillola anticoncezionale (Diane per 8 anni e Gracial per 2, per un totale di 10 anni), 2 cicli di isotretinoina per via sistemica (4 mesi ciascuno, nel dosaggio di 20mg/die) ed un terzo (l'ultimo)  tempestivamente sospeso a Dicembre 2015, dopo un mese soltanto, per insorgenza di depressione grave. A seguito dei cicli con isotretinoina ho ottenuto velocemente completa remissione dell'acne, sperimentando così finalmente una nuova stagione della mia vita. Sfortunatamente però dopo un anno dal termine di ciascun ciclo l'acne si è ripresentata, qui si spiega il motivo dei quasi 3 cicli di isotretinoina e perchè io ancora oggi stia cercando una soluzione. La mia è sempre stata classificata come acne lieve-moderata, papulo pustolosa, e specifico inoltre che la malattia non è sempre stata costantemente presente in questi 13 anni abbondanti, sebbene mi abbia accompagnato per buona parte di questi, e ha conosciuto un primo vero e tangibile sollievo a seguito della terapia sistemica con isotretinoina. Tre anni fa ho inoltre sospeso la pillola anticoncezionale perchè ritenevo non fosse buona cosa per il mio organismo, e penso sia stata una buona scelta visto tra l'altro che ancora ad oggi i dosaggi ormonali risultano nella norma e i cicli mestruali regolari. Da allora sono riuscita a controllare l'acne con Epiduo gel, utilizzando come pochi altri cosmetici un latte detergente a risciacquo mattina e sera e un idratante in gel leggerissimo al mattino, entrambi comprati in farmacia e privi di tutte le sostanze che ho scoperto essere per me assolutamente nocive (profumi, alcool, olii minerali, parabeni, ecc). A partire da primavera 2018 la pelle ha iniziato a peggiorare poiché, già fragilizzata dai retinoidi sistemici e topici nel corso degli anni e dal contatto prolungato con il cloro della piscina in cui vado a nuotare (mia grande passione dell'ultimo anno), ho iniziato ad applicare creme idratanti. Da lì ha preso inizio un circolo vizioso che non si è più fermato: presa dall'ansia ho provato di tutto e di più e la mia pelle non ha potuto fare altro che peggiorare. Ho ripreso ad applicare con costanza Epiduo solo a inizio gennaio, sempre accompagnato dal latte detergente a risciacquo e dal gel all'acido ialuronico sopra citati, e sono arrivata alla visita dermatologica con un medico del vostro staff la settimana scorsa che trovavo lo stato della mia pelle sensibilmente migliorato, cosa che mi aveva reso nell'ultimo periodo  più serena e incline a riprendere di nuovo la mia vita sociale e la frequentazione della piscina, cose che avevo praticamente eliminato negli ultimi mesi di grande peggioramento. A seguito della visita ero felicissima, poiché anche a me era stato consigliato il protocollo di cura per l'acne con MIcropeeling Combinato, di cui ero venuta a conoscenza negli ultimi 2 mesi di ricerche disperate, ciò che ha fatto sì che io da Bologna mi recassi a Milano per incontrare un medico dello staff. Nutro ora grandissime speranze, ma sono come bloccata da grandi paure, che mi derivano da anni di sofferenza e frustrazione dovuti alla malattia, motivate dalle tante cure tentate rivelatesi fallimentari. Ho acquistato i prodotti per il Micropeeling Combinato e in entrambe le lozioni è presente alcool, che so essere estremamente irritante per me, noto per causare l'effetto rebound... Inoltre non potendo applicare più alcun prodotto idratante, la cosa mi spaventa ancora di più. Ho applicato martedì sera airol lozione (in quantità esagerata mi rendo conto, non sapevo ci volesse il contagocce) e ho avvertito un bruciore terribile, il giorno seguente Glicosal ed è andata ancora peggio, da mercoledì non applico più nulla ma sono ancora molto desquamata e secca, non posso applicare alcun prodotto di alcun tipo e non mi sento di uscire di casa. Io non so più che fare, mi rendo conto che ormai sono in uno stato mentale davvero difficile, sono duramente provata da questi ultimi mesi di recrudescenza della malattia e sono bloccata. Funzionerà davvero la cura col MIcropeeling Combinato o porterà solo ad un altro interminabile peggioramento, aggravato da eccessiva secchezza che non mi consentirà nemmeno di truccarmi col trucco minerale e che quindi mi costringerà a stare in casa il più possibile? Queste la mie paure. Mi spaventa inoltre la presenza di alcool nelle lozioni... Che faccio? Abbraccio la cura con micropeeling o proseguo con epiduo?

Mi scuso per essere stata eccessivamente prolissa, ma questo esprime lo stato di ansia e stress in cui ormai vivo a causa di questa malattia per me assai invalidante.

Allego foto situazione odierna  

 

 

IMG_3171.JPG

IMG_3173.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gentile, mi dispiace per tutte le disavventure mediche che hai incontrato in passato ma se riponi fiducia nel Micropeeling e soprattutto segui letteralmente tutti i suggerimenti presenti sul sito l'acne sarà solo un ricordo. Questo tipo di trattamento, senza farmaci , si usa da ormai da più di un decennio  e i risultato sono sempre stati ottimi ( in chi a seguito tutto il protocollo). Dalle immagini allegate noto però anche una tendenza all'escoriazione delle lesioni cosa che denuncia uno stato ansioso, di grande "pericolo" per l'esito del trattamento. Occorre quindi che tu ti rilassi non solo con la piscina ma anche con una vita sociale normale, adeguata alla tua età. Quindi avanti con il Micropeeling e niente cosmesi di mascheramento o creme da volto. Un caro saluto Prof. M. Monti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Professore

Aver ricevuto già sua tempestiva risposta mi è di grande conforto. Proseguirò con il Micropeeling Combinato moderando le quantità di prodotto da utilizzare per volta e mi recherò al controllo dal suo collega a metà Marzo.

Intanto grazie ancora davvero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera Prof.Monti,

Una domanda: posso applicare Glicosal e Airol massaggiando con le dita? Oppure diminuisce l'efficacia del trattamento? Solo perchè sfregare, seppur molto delicatamente, col dischetto di cotone mi sembra un po' aggressivo sulla pelle... 

Inoltre Le chiedo conferma se è normale un peggioramento della pelle nella fase iniziale del trattamento e quanto questo può durare in media, e se risulta efficace anche nel rimuovere i punti neri, perché quelli del naso ad esempio sono più visibili adesso rispetto a prima che iniziassi il trattamento..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Meglio usare il dischetto che non i polpastrelli delle dita dove non si possono mettere 7 /10 gocce senza farle cadere  e  la distribuzione è  più omogenea. Un certo peggioramento nei primi due mesi di trattamento Micropeeling è considerato normale  anche se non sempre capita. I punti neri del naso sono falsi punti neri ( vedi l'articolo sul sito ) per cui non verranno via con il Micropeeling o con altro ma con il Micropeeling dopo i due mesi si vedranno di meno. Un caro saluto Prof. M. Monti

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.