Jump to content
Stellaorl

Orticaria dermografica cronica

Recommended Posts

Buongiorno,

Sono una giovane donna di 30 anni, soffro di orticaria dermografica dal 2011, i sintomi sono comparsi durante una fase di forte stress, la tesi di laurea, durante la quale ho subito anche un forte trauma: la caduta di mio padre da una scala molto alta, per evitare che si schiantasse, ho attutito il colpo buttandomi di sotto con la schiena, per fortuna nulla di grave, solo qualche punto sotto il mento...ma durante la medicazione mi davano più fastidio i ponfi che avevo su tutto il colpo che il dolore al mento...

cercai di fare le prove allergologiche al Niguarda di Milano, ma con esito negativo a causa dell’eccessivo gonfiore dei ponfi che causavano falsi positivi a tutte le sostanze.

Faccio un passo indietro: da piccola all’età di circa 7/8 anni, ho avuto una fortissima reazione allergica con ponfi su tutto il corpo che da rossi diventavano viola/blu e sono stata ricoverata 20 giorni al meyer di Firenze per un check up completo. La diagnosi: allergia a diversi farmaci e alimenti, conservanti e coloranti(ad esempio alcune pennicelline e al sodio benzoato). Via via crescendo peró ho introdotto piano piano tutti gli alimenti e non ho mai più avuto nessuna reazione allergica, ma con i farmaci faccio molta cautela ed utilizzo tutt’oggi solo quelli sicuri.

Detto ció, nel 2013 vengo visitata al reparto di dermatologia del policlinico di Catania e mi viene diagnosticata l’orticaria dermografica, con cura di antistaminici a vita con cicli di 3 mesi, con stop di 1 o 2 mesi, in base alle mie reazioni; prima provai il deltacortene, ma avevo troppi disturbi: sonnolenza, fame e forte nervosismo.... poi il professore mi prescrisse lo zirtec, e andava meglio, non ero nervosa ma cominciai ad ingrassare molto velocemente. Lo utilizzai per qualche anno, ma nei mesi di stop l’orticaria era molto aggressiva, fin quando decisi di stoppare e non seguire più la cura a causa degli effetti collaterali e la bassa qualità di vita ormai raggiunta. 

Negli anni l’orticaria è sempre stata presente, con momenti sì e momenti no, tuttavia ormai il mio corpo si è abituato e non sente più il prurito... ma i ponfi lineari sono sempre presenti allo sfregamento su tutto il corpo, dopo circa 30 minuti scompaiono....

 

nel 2016 inoltre vengo ricoverata in neurologia a causa di una ricaduta di neurite ottica, il nervo ottico si era gonfiato di nuovo e i medici sospettavano  un principio di sclerosi multipla, per fortuna risonanza ed esame del liquor hanno scongiurato questo incubo...

nel 2018, per un primo controllo alla tiroide scopro di avere i valori fuori norma, ma non avevo noduli e anticorpi sempre negativi, così dopo 8 mesi di controlli, l’endocrinologo mi ha prescritto la dose corretta di 0,50 mg di tirosint e adesso i valori sono normali, sotto controllo.

Dopo quasi 10 anni sono davvero stanca e non tollero più la mia orticaria, vorrei trovare finalmente una soluzione, e così Il mese scorso ho prenotato una visita dermatologica all’humanitas di Catania per luglio, poichè avendo fatto un po’ di ricerche, volevo capire se nel mio caso potesse essere utilizzata una terapia alternativa agli antistaminici con cicli di flunarizina o di omalizumab ( ho seguito il forum ed ho letto che gli effetti di questo farmaco biologico non sono così efficaci). Per questo volevo chiederle professore, cosa mi consiglia di fare e se mi consiglia qualche esame specifico...

la ringrazio per la cortese disponibilità

saluti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gentile, come riportato sul sito sono i Farmaci FANS/ Paracetamolo ad indurre Orticaria e a mantenerla se si continuano a prendere. Quindi il primo concetto è non assumere mai i farmaci vietati. Secondo concetto: il cortisone peggiora l' Orticaria e la rende cronica. Terzo concetto: l'antistaminico non cura l' Orticaria ma è un sintomatico.Quarto concetto: gli esami sono inutili. Tenendo presenti questi concetti puoi seguire la proposta terapeutica di dermaclub.it ma non so se presso Humanitas di Catania ti seguiranno  con questo farmaco. Un caro saluto Prof. M. Monti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.